0

Rubrica: cose che mi rincuorano

Emilia, 4 anni, vorrebbe tanto avere anche lei una piccola rosa per poterla amare come fa il Piccolo Principe.

Advertisements
2

Vendo cose che voi rappresentanti non potreste neanche immaginare

Rappresentante: – Ah, quindi tu vendi pure diciamo quaderni, matite, cartoleria…

Io: – No, in realtà no. Mai fatta la cartoleria, vendo libri.

Rappresentante: – Ah, quindi diciamo tipo libri scolastici, per la scuola…

Io: – No, in realtà no. Non libri per la scuola, libri illustrati, romanzi, libri.

Rappresentante (stupito): – Ah, cioè… libri? Tu… vendi libri?

1

Un martedì qualunque, un martedì italiano

Cliente: – Ho visto in vetrina il libro da colorare di Mia & Me.

Io: – Sì, è questo!

Cliente (osservando la copertina del libro che recita testualmente “Libro da colorare”): – Questo è da colorare?

Io: – Ahem, sì.

Cliente (gira il libro e osserva il retro, che recita tesualmente “euro 6,90”): – E quanto costa?

 

E questa è la vita in siffatta libreria, amici

0

Rubrica: libri che non comprerete ai vostri bambini (ma Emilia dice sì)

ImageA proposito di questa fantastica Biancaneve illustrata da Benjamin Lacombe e pubblicata da Rizzoli, lascio parlare Emilia (4 anni).

“Mamma, questa Biancaneve è più bella di quella che abbiamo a casa… vedi, è più elegante!”

 

Avessero tutti il tuo gusto e la tua sensibilità, Emilia! Avessero tutti quattro anni.

2

Una dedica

Genitori, quando entrate in libreria e mi chiedete qualcosa per un bambino, e io vi suggerisco la cosa giusta e voi mi dite che non va bene perché questo bambino è molto più AVANTI, molto più INTELLIGENTE di così, a me viene sempre in mente questa citazione.

Ve la dedico!

“I padri e le madri sono tipi strani: anche se il figlio è il più orribile moccioso che si possa immaginare, sono convinti che si tratti di un bambino stupendo.

Niente di male: il mondo è fatto così. Ma quando dei genitori cominciano a spiegarci che il loro orrendo pargolo è un autentico genio, viene proprio da urlare: – Presto, una bacinella! Ho una nausea tremenda!”

(Roald Dahl, Matilde)

1

Educazione di un matematico

Cliente anziano: – Buongiorno, vorrei un libro per un bambino di otto anni. Mio nipote è il matematico della famiglia, ama i numeri, guardi… proprio uno scienziato!

Io: – Beh, qui in alto c’è tutta una sezione di libri di scienza molto carini!

Cliente anziano (guarda distrattamente i libri per due secondi): – Sì ma qualcosa di più creativo…

Io: – Abbiamo anche questi giochi scientifici, qui bisogna costruire un catamarano con materiali di recupero, è molto interessante perché…

Cliente anziano: – Ma poi lo costruisce e subito ha finito! E io come lo tengo fermo tutto il pomeriggio?

(ovviamente esce a mani vuote)